CI: Carta dei Trattamenti (American Urological Association)

CISTITE INTERSTIZIALE: CARTA DEI TRATTAMENTI RILASCIATA DALL’AUA (American Urological Association) – NUOVE LINEE GUIDA.

aualogo CI: Carta dei Trattamenti (American Urological Association)

logo american urological association – AUA

Sono state rilasciate le nuove linee guida sulla Cistite Interstiziale dall’ American Urological Association nel 2011.

Gli americani hanno deciso che useranno per descrivere il disturbo il nome di cistite interstiziale / sindrome della vescica dolorosa (IC / BPS). In Italia si utilizzano anche i termini: vescica iperattiva o dolore vescicale cronico.

La definizione formale sarà “percezione di una sensazione fastidiosa e sgradevole (dolore, pressione, fastidio) correlata con la vescica, associata con diversi sintomi delle basse vie urinarie di durata oltre i 6 mesi, in assenza di infezione urinaria o altre cause identificabili.”

Il Comitato propone un protocollo di trattamento in sei punti.

Inizialmente i pazienti devono ricevere materiali didattici e di sensibilizzazione sulla cistite interstiziale, tra cui l’introduzione dei principi riguardanti la dieta e lo stress in generale e le strategie di rilassamento se necessario.

Dopo questa fase iniziale didattica, è stato suggerito un nuovo protocollo dei trattamenti possibili in sei punti:

  1. Trattamenti che includono modificazione della dieta, strategie comportamentali, meditazione, rilassamento del pavimento pelvico e l’uso di vari nutraceutici OTC (integratori alimentari) come glicerofosfato di calcio (Prelief), ecc
  2. Trattamenti che includono l’uso di farmaci per via orale tra cui amitriptilina (laroxyl), cimetidina (tagamet), idroxizina (atarax) e pentosano polisolfato sodico (fibrase/elmiron in USA) e / o instillazioni intravescicali tra cui DMSO (dimetilsolfossido), eparina e lidocaina.
  3. I seguenti trattamenti devono essere utilizzati solo se non si ottiene sollievo accettabile con le prime 2 opzioni oppure se i sintomi suggeriscono la necessità di un approccio più invasivo. Includono la cistoscopia in idrodistensione della vescica a bassa pressiome in anestesia e, se presente, il trattamento delle ulcere del Hunner con varie tecniche quali, cauterizzazione, terapia laser o iniezione di triamcinolone.
  4. I seguenti trattamenti includono ciclosporina per via orale e / o l’impianto di un dispositivo di neurostimolazione.
  5. Trattamento con l’uso di un’iniezione intradetrusoriale della tossina botulinica A (Botox).
  6. Trattamenti chirurgici, utilizzati molto raramente e come ultima spiaggia.

TERAPIE DA EVITARE:

Le terapie da evitare includono l’utilizzo di antibiotici a lungo termine, instillazioni intravescicali di BCG (bacillo calmette guerin), di RTX (resiniferatoxina), utilizzo con cautela della tecnica di cistoscopia in idrodistensione della vescica, utilizzo di alte dosi di steroidi per via orale per lunghi periodi. Sono da evitare anche gli esercizi di Kegel data la presenza di disfunzioni del pavimento pelvico nella Cistite Interstiziale.

Per saperne di più sulle linee guida AUA (in inglese) clicca qui!

Se volete scaricare la mia traduzione in Italiano cliccate AUA CARTA DEI TRATTAMENTI-it e buona lettura.

icn logo 300x92 CI: Carta dei Trattamenti (American Urological Association)Per saperne di più vai sul sito ICN (Interstitial Cystitis Association) in inglese

 

IMPORTANTE:

  • i trattamenti proposti sono quelli autorizzati in America, non è detto che tutti siano utilizzati e autorizzati in Italia.
  • la mia è solo una traduzione, prima di utilizzare qualsiasi trattamento consultate il vostro medico, specialista

iscriversi via mail ........al blog 300x59 CI: Carta dei Trattamenti (American Urological Association)

Rispondi