La storia di Li-Mas

18 maggio 2015 – La storia di Li-Mas – 1963

E’ la storia più strana che voi abbiate mai sentito.

Giunta in ospedale per problemi urologici (urinavo spesso da un pò), i “grandi” ginecologici hanno pensato bene (per le loro tasche, la sala operatoria rende) di praticare, senza indagine alcuna, una isterectomia in laparoscopia adducendone la causa a un fibroma che premeva sulla vescica.

Dimessa ho iniziato a peggiorare e oltre ad andare in bagno più volte, sentivo e sento tirare dal lato sinistro dal pube all’ano. Ho provato tutti gli antimuscarinici che esistono, nulla fa effetto.

Mi avevano proposto il botulino, ma poi per un disguido con il “professore orso” non l’ho praticato.

Ora sono qui a raccontare cosa dovrò fare fra breve. Un altro intervento perchè nel frattempo il collo dell’utero che mi avevano conservato (perché non so e se lo hanno detto si sono espressi così male che non  l’ho capito) ha ceduto e quindi va riposizionato.

E la mia vescica se peggiorerà a chi lo racconterò?

Conto di uscirne viva e il resto alla prossima puntata…

_______________________________________________________________________

DSC06805 225x300 La storia di Li Mas

Cara Li-Mas hai ragione a dire che la tua storia è strana e anche “inquietante”, ma spesso succede quando si ha a che fare con “specialisti” che non riescono a capire da subito qual’è il problema e come va affrontato, o forse non hanno interesse a farlo …….!

Ci siamo purtroppo passate e ci passiamo tutte. Aspetto la continuazione della storia e spero tanto che le notizie siano positive.

Un abbraccio Sonia

PS: siamo nate nello stesso anno

3 thoughts on “La storia di Li-Mas

  1. Grazie per l’attenzione, certo che ti farò sapere. Sono contenta di essere tua coetanea.
    Un abbraccio

    • Sono approdata alla Columbus da un dottore che mi ha proposto l’acido ialuronico a compresse e devo dire che sembra vada un pò meglio (da settembre faccio la cura). Ora tornerò a controllo e vedrò se fare le instillazioni direttamente in vescica prima una volta a settimana, poi ogni 2 settimane, ogni mese fino ad allungare i tempi. Speriamo bene perchè la cistite interstiziale che i medici della commissione per l’invalidità non conoscevano neppure, si vergognassero, e uno di loro mi ha addirittura derisa… Con fare altezzoso mi fa: La cistite non è mica invalidante… Ho replicato: la batterica no, l’interstiziale si. Ho capito dallo sguardo che non sapeva di cosa stessi parlando. Ho sofferto tanto per questo episodio. Non è bello essere presi in giro per le malattie. Ma voglio consolarmi nella speranza che migliorerò. Il seguito alla prossima puntata. Ciao

      • Carissima sono contenta che abbia riscritto e che tu stia meglio, o meglio che sembra tu abbia trovato una strada percorribile per te. Per quanto riguarda alcuni medici o impiegati pubblici e la loro “ignoranza” e scortesia purtroppo tutte noi abbiamo avuto il piacere di constatarla sulla nostra pelle. Ogni volta che parlo con qualsiasi persona, anche non un medico e dico che ho la cistite interstiziale tutti pensano che parli di cistite batterica, devo sempre dire ho una malattia rara che provoca dolori alla vescica ecc… evito di dire il nome perchè la gente non vuole capire. Sono tutti pronti a dare consigli non richiesti. In ogni modo la cosa positiva è che tu stia meglio. Baci Sonia

Rispondi