C.I.: Esordio della Malattia

CISTITE INTERSTIZIALE: ESORDIO DELLA MALATTIA

Premessa

Da che mi ricordo ho sempre avuto l’abitudine ad andare spesso in bagno a fare la pipì. Ora direi “pessima abitudine”. Involontariamente ho abituato la mia vescica a svuotarsi troppo presto, limitandone la sua funzione e portandola con gli anni ad una specie di “atrofia”. (Una vescica normale tiene circa dai 400-600 ml, la mia ha capacità dimezzate).

Andare spesso in bagno non mi ha però creato mai grossi problemi. Il mio disturbo era limitato all’aumento della frequenza minzionale; mai avuto dolori o bruciori.

2009 inizia il calvario C.I.: Esordio della Malattia
urlo munch 150x150 C.I.: Esordio della Malattia

 

Il tutto inzia a gennaio con una lieve cistite, prendo il Monuril e il fastidio passa velocemente.

A febbraio e marzo i disturbi urinari, soprattutto bruciore e aumento della frequenza minzionale si ripetono svariate volte.  Il medico generico mi consiglia di fare una serie di urinocolture.  TUTTE NEGATIVE.

Poi iniziano anche i fastidi vaginali (bruciore, arrossamenti, dolore al contatto). Faccio un tampone vaginale che risulta negativo, ma si evidenzia che la flora lattobacillare è inesistente.

I fastidi vaginali aumentano di intensità.  Decido di andare al pronto soccorso ginecologico dell’Ospedale S. Paolo di Milano.  Esperienza negativa.

Mi fanno aspettare oltre 4 ore. Nel tempo trascorso in ospedale i medici si occupano principalmente di donne incinte (e questo lo trovo giusto), soprattutto extracomunitarie (non paganti). A mio avviso avrebbero dovuto occuparsi con la stessa solerzia e gentilezza di tutti i malati, giovani, vecchi, italiani e non.  Alla fine, dopo quasi 2 ore, sotto mia insistenza, riesco a farmi visitare da una dottoressa molto molto giovane e molto molto poco gentile.  Secondo lei non avevo niente, mi consiglia LACTOFIN. Non ha osato dirmi che ero una “pazza isterica”, ma sono sicura che lo ha pensato.

Dopo questa avventura iniziano una serie di visite da ginecologi e urologi, troverete le più significative nell’articolo “Visite, Esami“.

Rispondi